Iscrizione alla Newsletter

Coisp Segreteria Arezzo

Mensa obbligatoria di servizio e buono pasto

Posted: 19 settembre 2018 alle 10:18   /   by   /   comments (0)

AL SIGNOR QUESTORE DI AREZZO

Egregio Signor Questore,
la normativa di riferimento delle mense obbligatorie di servizio è la legge n. 203 del 1989; l’art. 1 prevede le fattispecie di servizio che danno titolo a fruire del pasto gratuito; l’art. 2 prevede la possibilità di ricorrere alla stipula di convenzioni con enti pubblici o con esercizi privati di ristorazione qualora presso l’organismo interessato o presso altri uffici o reparti della Polizia di Stato della stessa sede sia impossibile assicurare, direttamente o mediante appalti, il funzionamento delle mense obbligatorie di servizio.
Con circolare n. 333-A/9807 del 29.5.1989 il Ministero dell’Interno ha dato attuazione alla norma fornendo anche indicazioni sui criteri di attribuzione del beneficio della mensa obbligatoria di servizio prevista dall’art. 1 della l. n. 203 del 1989.
Con circolare n. 750C.1.8948 del 23.12.1996 sono state poi impartite, tra l’altro, le istruzioni finalizzate ad assicurare la fruizione gratuita del pasto al personale della Polizia di Stato presso le sedi sprovviste di strutture di mensa mediante la stipula di convenzioni con altri enti pubblici o esercizi privati di ristorazione con onere a carico del bilancio dello Stato, ai sensi del combinato disposto degli artt. 1, comma 1, lett. b) e 2, comma 2, della l. n. 203 del 1989.
Successivamente il DPR n. 254 del 1999, di recepimento dell’accordo sindacale per le Forze di Polizia, ha introdotto (art. 35) la possibilità per l’Amministrazione di erogare un buono pasto giornaliero in alternativa alle convenzioni con esercizi privati di ristorazione al fine di garantire il beneficio agli aventi diritto ai sensi dell’art. 1, comma 1, b), della l. n. 203 del 1989. L’importo di tale buono pasto è stato rideterminato in euro 7,00 dall’art. 7 del DPR n. 51 del 2009.
In buona sostanza, i principi sono i seguenti:
a) in via prioritaria la costituzione di mense obbligatorie di servizio gestite direttamente o mediante contratti di appalto con ditte private;
b) in alternativa qualora sul territorio non siano accessibili le mense di servizio dell’amministrazione si provvede mediante stipula di convenzioni con esercizi privati di ristorazione;
c) in alternativa al punto b) si può provvedere mediante l’erogazione di buoni pasto.
In base a tali disposizioni il diritto a fruire della corresponsione di “buoni pasto” spetterebbe quindi a tutti i poliziotti che non possono beneficiare del servizio mensa, sia perché l’Amministrazione di appartenenza non ha garantito l’istituzione di apposite mense obbligatorie di servizio presso la sede di servizio dei predetti o eventuali convenzioni con esercizi privati di ristorazione, sia nel caso in cui il personale è concretamente impossibilitato a farne uso in conseguenza di turni di servizio che ne impediscano la fruizione  poiché terminanti in orario in cui la stessa mensa è chiusa.

Arezzo,  9 settembre 2018

SCARICA PDFServizi di O.P. e mensa di servizio