Iscrizione alla Newsletter

Coisp Segreteria Arezzo

Linee Guida servizi Polizia Stradale

Linee Guida servizi Polizia Stradale - COISP
Posted: 25 novembre 2017 alle 17:24   /   by   /   comments (0)

Arezzo, 15 novembre  2017

AL SIGNOR  DIRIGENTE
DEL COMPARTIMENTO POLIZIA STRADALE
PER LA TOSCANA    – F I R E N Z E -

Ill.mo Dott. POMPONIO

abbiamo appreso che a partire dal mese di Novembre, il suo ufficio ha inteso impartire precise disposizioni circa le modalità di interrogazioni al terminale – Portale SDI Web – per le attività operative esterne effettuate dal personale impiegato sulla viabilità ordinaria e in servizio di vigilanza autostradale.

Con tale documento, Lei avrebbe disposto che le pattuglie in servizio di vigilanza autostradale, qualora non dispongano di un efficiente apparato di bordo (tablet), per l’accertamento  al terminale, si dovranno rivolgere alle “centrali operative/corpo di guardia” delle Sottosezioni autostradali di appartenenza e in via solamente eccezionale o di temporanea difficoltà potranno rivolgersi al Centro Operativo Autostradale.

Sembrerebbe evidente Dott. POMPONIO, che così facendo, i protocolli operativi statuiti per gli operatori della Polizia Stradale, contenuti nelle “Linee guida per l’espletamento dei servizi di Polizia Stradale in autostrada e sulle strade extraurbane principali”, volute e ribadite dal Superiore Dipartimento, verranno completamente disattesi.

Difatti, tali Guide Operative (oltre 200 pagine), tra i vari argomenti trattati sanciscono in modo chiaro ed inequivocabile, quali siano le competenze funzionali del Centro Operativo Autostradale (C.O.A.), difatti leggendo tale vademecum dipartimentale troviamo che:

il Centro Operativo Autostradale ha il compito di gestire e coordinare l’attività di tutte le pattuglie sulle proprie tratte autostradali e rappresenta, per esse, un superiore funzionale che prevale rispetto a quello gerarchico (il Reparto di Appartenenza). Lo scambio di informazioni tra le pattuglie ed il C.O.A. deve essere costante, preciso ed aggiornato, poiché errate od omesse comunicazioni possono vanificare l’efficienza dei servizi di polizia stradale e, in taluni casi, mettere a repentaglio l’incolumità degli operatori e/o dei viaggiatori;

ed ancora entrando nello specifico che,

“… il Centro Operativo ha la responsabilità e l’onere di garantire alle pattuglie in servizio sulla propria tratta le interrogazioni alle banche dati per lo sviluppo dell’attività operativa e, qualora la pattuglia non disponga di un efficiente apparato di bordo, l’accertamento in COPE”;

“… che l’operatore della Polizia Stradale impegnato nell’attività di pattugliamento/controllo del territorio (in autostrada) deve tenersi costantemente collegato con il Centro Operativo, da cui funzionalmente dipende, attraverso l’utilizzo dei mezzi di comunicazione che ha a disposizione (mentre, quando svolge la propria attività sulla viabilità ordinaria, farà riferimento alla Sala Radio della Sezione di appartenenza)”;

“ … il collegamento costante deve essere vissuto in maniera consapevole, sino a diventare un automatismo, fondamentale per la propria tutela e per l’efficacia del servizio espletato. Attraverso i mezzi di comunicazione, infatti, si deve contattare il Centro Operativo al fine di inoltrare richieste di accertamenti su veicoli e persone ” ;

“… prima di procedere al fermo, la pattuglia comunica al Centro Operativo la posizione ed il senso di marcia del veicolo da sottoporre a controllo, le sue caratteristiche identificative (marca, modello, colore e targa), successivamente, giunta nei pressi del punto prescelto, ne dà notizia al Centro. In tale fase dinamica è perciò necessario che l’operatore del Centro Operativo effettui l’interrogazione di “SINTESI” sulla targa, comunicandone l’esito al capopattuglia prima dell’effettivo arresto del veicolo; successivamente l’interrogazione deve essere ripetuta al COPE ad iniziativa…” ;

“… tutte le pattuglie che prestano servizio autostradale sono tenute ai seguenti adempimenti verso il Centro Operativo, comunicare l’ingresso in autostrada e, da quel momento, tenere esclusivamente i collegamenti radio con quest’ultimo “;

In sintesi crediamo che visto quanto sopra riportato, sia opportuno da parte Sua una attenta valutazione della materia, onde ripristinare, se mai fosse stato modificato, il modus operandi in materia di consultazioni al Sistema SDI-Web da parte del personale in servizio presso le Sottosezioni Autostradali così come sancito da tali Linee Guida Ministeriali.

In attesa di una pronta risposta in merito le porgiamo i più Cordiali Saluti

La Segreteria Provinciale Co.i.s.p. di Arezzo

SCARICA PDFLinee Guida servizi Polizia Stradale – COISP

coisp_bandiera